Ecco perché “essere fuori dalla norma” può diventare una opportunità. Le possibilità in termini di prevenzione, diagnosi e riabilitazione precoce.

Nel vivere quotidiano si costruisce la salute del piccolo, sia all’interno della famiglia che fuori. La consulenza precoce, sia quella informale nell’ambito famigliare o nel contesto amicale, sia quella più istituzionale dei servizi sanitari e della scuola, sostiene l’accudimento e orienta le scelte dei genitori sin dai primi anni di vita. Iniziamo a considerare che quando un genitore o un insegnante si pongono una domanda e cercano una risposta di fronte ad una difficoltà, il cambiamento è già in atto: questo accade sin dalla nascita, perché non esiste una scuola per diventare genitori e le cure che si dedicano al piccolo si apprendono. Ne deriva una realtà relazionale e materiale mista di amore, dedizione, osservazione, reciprocità, all’interno della quale si giocano le aspettative, i convincimenti e i saperi del “genitore riflessivo“.

Ma… se il dubbio che ci tormenta è la capacità di nostra/o figlia/o nell’imparare a leggere, a scrivere, o a far di conto, è necessario chiedere una consultazione precoce? E perché? E quando?

Risulta necessario e conveniente chiedere un parere esperto, ma talvolta è difficile da accettare e da agire, perché di fronte a qualcosa che non corrisponde alle nostre aspettative, soprattutto a ciò che non è “normale” socialmente parlando, torna facile negare il problema. Vediamo quali sono i vantaggi di una valutazione. Innanzitutto si potrebbe capire che “il problema” non è tale: dalla consultazione, che peraltro richiede più incontri che si ripetono nel tempo, potrebbe emergere che non esistono i presupposti per una diagnosi. Potrà derivarne una rassicurazione, accompagnata da indicazioni e consigli utili per poter proseguire al meglio nella relazione educativa genitore/figli (ed anche nella relazione insegnante/alunno). Insomma, un esito negativo (mancanza di diagnosi) può rassicurare.

Il momento della valutazione specialistica diventa una opportunità perché permette di valutare sia i fattori individuali che intervengono nell’apprendimento (definiti come neurobiologici), sia i fattori ambientali (famiglia, scuola, i luoghi di vita e la realtà sociale). Possiamo considerare ognuno di questi elementi come potenziale risorsa, personale e di contesto, che sostiene il bambino nel processo di conoscenza e nella acquisizione delle competenze: queste risorse sono importanti anche nel caso di una diagnosi, per favorire i percorsi di apprendimento che verranno programmati. Tra il secondo e il terzo anno della scuola primaria si conclude il processo di insegnamento della lettura e scrittura, e del calcolo*: non conviene anticipare la diagnosi, perchè si rischierebbe una falsa positività: il Disturbo Specifico dell’Apprendimento riguarda il 2,5 – 3,5 % della intera popolazione in età evolutiva, e spesso compare insieme a sintomi come ansia, disturbi della condotta e concentrazione difficile, con iperattività.

La consultazione è opportuna quando si sospetta una difficoltà nell’apprendimento della lettura (dislessia), della scrittura (disortografia), o del calcolo (discalculia): la prevalenza di questi disturbi è più sensibile nella scuola primaria e secondaria di primo grado. La evoluzione del processo è più facilmente benigna quando la riabilitazione viene avviata precocemente, e sono alleati importanti nella elaborazione della richiesta di aiuto il pediatra e gli insegnanti: con loro i genitori possono decidere se valga la pena di richiedere la assistenza ai servizi specialistici per l’età evolutiva** (Unità Operativa di Neurologia e Psichiatria dell’Infanzia e Adolescenza).

Al fine di raggiungere i migliori risultati possibili, la equipe multidisciplinare e i genitori, con gli insegnanti, si prenderanno cura delle diverse variabili coinvolte nell’apprendimento della/del bimba/o, concordando un Piano Didattico Personalizzato, per:

– la acquisizione delle capacità (lettura, scrittura, calcolo)
– la relazione e i comportamenti
– il futuro, pensando alla carriera scolastica e anche lavorativa

* per meglio affrontare e declinare la questione ho consultato gli Atti della Consensus Conference tenutasi a Roma nel Dicembre del 2010, su “I disturbi specifici dell’apprendimento”, pubblicata dall’Istituto Superiore di Sanità. Ricordo che all’anno 2010 risale la legge n° 170 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”. Vedi anche la Legge Regionale 2 Febbraio 2010, n° 4 (Lombardia)

** per conoscere l’offerta dei Servizi presenti nel proprio territorio consultare la carta dei servizi presente nel sito della Azienda Socio Sanitaria Territoriale di appartenenza.

Articoli correlati

News

“Appunti” di pedagogia creativa da una Grammatica Fantastica!

Il laboratorio “Viaggio nella Grammatica Fantastica”, che Proxxima porta nelle classi di Piemonte e Valle D’Aosta all’interno del progetto Diderot di Fondazione CRT e a Milano (grazie a Fondazione Cariplo), è un’ottima occasione per valorizzare Leggi tutto…

News

Che dilemma!

La medicalizzazione eccessiva non rispetta la “normalità” del bambino con DSA? Quale soluzione adottare per genitori e educatori? Individuare difficoltà legate all’apprendimento, al rendimento scolastico, e ad altri quadri problematici, può costituire, all’interno di ogni Leggi tutto…

News

Cosa ho che non va? Strumenti compensativi: aiuti o privilegi?

“Studio tanto e mi impegno, ma prendo sempre voti bassi e insufficienze… perché?”. “Per i miei compagni sembra così facile prendere bei voti, perché io devo fare così tanta fatica?”. “Mi sento diverso: mi dicono Leggi tutto…