Domani, 8 marzo, porteremo in scena a Torino il nuovo lab spettacolo “Essere/Avere: dilemma infinito”.
Pensato per i bambini delle classi piu’ alte della scuola primaria, il nuovo lab spettacolo nasce all’interno della linea “Viaggio nella Grammatica Fantastica” del Progetto Diderot della Fondazione CRT (con il contributo, per la Provincia di Cuneo, anche di Fondazione CRC). Attraverso un registro comico e, a tratti, drammatico, i bambini avranno modo di esercitare le tre Coniugazioni, ma anche gli ausiliari Essere e Avere e di incontrare Passato, Presente e Futuro, così da comprendere meglio come ogni essere umano sia in realtà immerso in una corrente del tempo, e come le azioni compiute, nel passato e nel presente, abbiano delle conseguenze sul Futuro. In questo viaggio i bambini ritroveranno personaggi familiari come gli articoli Lo e La e Maestra Sole e Professoressa Grammatica e scopriranno come, anche nel Regno del Linguaggio, sia presente un “Galateo della Grammatica” che permette, a chi lo conosce e frequenta, di esprimersi con un lessico piu’ ricco e coerente. Il tutto in un clima gioioso e poetico.

Categorie: News

Articoli correlati

News

IL DISCORSO DEL RE: L’EQUITÀ SOCIALE VISTA DAI BAMBINI

È trattando gli altri con dignità che si conquista il rispetto per se stessi (Tahar Ben Jelloun) Un elemento chiave che distingue il jazz dalla musica classica è l’improvvisazione: allo stesso modo nella linea “Viaggio Leggi tutto…

News

#Universita’dellaValled’Aosta#tirocinioindiretto#progetto Diderot #FCRT

Questa mattina, presso la Facoltà’ della Formazione della Valle d’ Aosta, si e’ concluso il tirocinio indiretto tenuto da ProXXIma per le studentesse del terzo e del quinto anno. Le relazioni presentate dalle studentesse sono Leggi tutto…

News

Nella vita di tutti i giorni, a scuola, cosa sono l’integrazione e l’inclusione?

Le parole che usiamo hanno un loro significato, e integrazione, inclusione sono termini molto comuni nel linguaggio della educazione, talvolta si rischia di usarli a sproposito. Si parla tanto di inclusione. Ma facciamo un po’ Leggi tutto…