fbpx

Nella nostra epoca in cui l’incontro con l’altro, con il “diverso”, avviene quotidianamente, quale approccio possiamo adottare? Come ci rapportiamo alla diversità?

Spesso la diversità viene vissuta come un problema e ciò rende difficile il nostro ruolo di educatori, come possiamo insegnare ai nostri figli, nipoti, alunni a rispettarla?

Ma la diversità è veramente solo un problema? O forse non sappiamo come incontrarla?

Ognuno di noi è diverso dagli altri, ognuno ha un proprio bagaglio esperienziale con il quale incontra l’altro, e questa diversità permette uno scambio di idee, arricchisce e premette la crescita personale in una cultura dinamica e in continua evoluzione. In questo senso la diversità è una ricchezza.

Diventa quindi importante ascoltare e rispettare l’altro senza pregiudizi e preconcetti per aprirsi alla propria crescita. Come educatori dovremmo imparare a guidare i più piccoli al confronto e allo scambio per consentire loro di diventare adulti capaci di incontrare e ascoltare i punti di vista degli altri, di confrontarsi con persone che hanno un lavoro diverso, opinioni politiche e religiose differenti, un modo di vivere dissimile, abilità e potenzialità svariate forse insolite e inconsuete ma magari estraordinarie.

Ma come fare? Quale approccio adottare?

Si parla spesso di “integrazione”, un concetto importato dal mondo della scuola che oggi è stato ormai racchiuso e sostituito dal termine “inclusione”.

Integrazione vuol dire “rendere completo”: ha un approccio compensatorio, riferibile esclusivamente all’ambito educativo, in cui un contesto accogliente ed attento integra al proprio interno una “diversità” e sviluppa una relazione asimmetrica in cui l’attenzione viene riportata sul singolo con l’obiettivo di reperire risorse e risposte specialistiche.

Inclusione significa “racchiudere dentro”: è invece un processo riferito alla globalità delle sfere educativa, sociale e politica, e si pone l’obiettivo di superare le barriere con l’attenzione e il rispetto rivolti a tutte le differenze, interviene sul contesto ed attiva una relazione simmetrica tra pari.

L’inclusione ha quindi un approccio complessivo che tiene in considerazione tutti e tutte le diversità: valorizza il singolo per la sua identità e la sua unicità, valorizza la diversità in quanto punto di forza e ricchezza, integra le uguaglianze e ciò che è difforme, favorisce il dialogo e il confronto, sviluppa il rispetto e la capacità di accogliere punti di vista differenti, promuove una partecipazione attiva e la collaborazione.

Come ben hanno detto T. Booth e M. Ainscow (testo “Index for inclusion” 2000): “L’inclusione non riguarda solo gli alunni disabili, ma investe ogni forma di esclusione che può avere origine da differenze culturali, etniche, socioeconomiche e di genere”.

L’inclusione non deve riguardare solo l’ambito scolastico, ma può investire la nostra quotidianità nell’incontro con l’altro diverso da noi!

Categorie: News

Articoli correlati

News

Campagna 5 per mille 2022 Proxxima

Il 25 maggio 2022 il fuoco appiccato per una fiction divampa incontrollato.La comunità Strombolana unisce le forze e salva case e vite, ma il disastro ambientale è inevitabile.Il fuoco divora duecento ettari di macchia mediterranea. Leggi tutto…

News

Benvenuti nel Regno del Linguaggio: una scuola per tutti.

Inclusione, grammatica fantastica, attenzione ai diversi stili di apprendimento nella scuola primaria. A cura di Carola Caruso, equipe grammatica fantastica  Viaggiando tra le classi-regni del Piemonte e della Valle d’Aosta come ambasciatrici del Regno del Leggi tutto…

News

FIRENZE 13-14 MAGGIO… COSA E’ SUCCESSO?

L’ESPERIENZA DELLA GRAMMATICA FANTASTICA, PROGETTO DIDEROT 2021-2022, FONDAZIONE CRT, ALL’INTERNO DELLO STAGE MCE “COLTIVARE PAROLE”. Crediamo che la parola, che consente di condividere l’esperienza, di vedere e far vedere l’invisibile che accompagna l’esperienza, i pensieri Leggi tutto…