Formatrici: Monica Colli, Rossana Colli

Premessa
Negli ultimi anni i bambini con BES e con DSA sembrano essere cresciuti in modo esponenziale.

E se ci fosse una correlazione tra l’aumento dei bambini con BES e il percorso di sviluppo avvenuto fino al loro ingresso nella scuola primaria? E ancora: quanto conta e può fare la differenza la metodologia didattica utilizzata affinché l’apprendimento avvenga e si sedimenti?
La metodologia che proponiamo si avvale di un approccio graduale e rigoroso, al contempo artistico e creativo, che si è dimostrato efficace non solo con i bambini normodotati, ma anche con quelli con BES, con DSA e con disabilità.

La proposta formativa nasce con l’intento di:

-favorire l’apprendimento della competenza linguistica di tutti i bambini (normodotati, con BES, con DSA e con disabilità), grazie al ricorso a metodologie e strumenti adeguati;
– promuovere la partecipazione attiva da parte del gruppo classe nei processi di apprendimento dell’alfabeto e della grammatica, valorizzando i diversi stili di apprendimento;
-utilizzare il linguaggio teatrale e musicale per aumentare le competenze in campo linguistico;
-proporre modalità di apprendimento interdisciplinari;
-fornire nuovi spunti e strumenti per attivare percorsi didattici calibrati ad hoc sui bisogni del proprio gruppo classe.

La proposta è suddivisa in 2 MODULI. Il primo modulo è rivolto agli educatori dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia e ai docenti dei primi due anni della scuola primaria. Il secondo modulo si rivolge, invece, ai docenti delle classi terze, quarte e quinte della scuola primaria e a quelli del primo anno della scuola secondaria di primo grado.

TIPO DI PROPOSTA: 3-4 incontri di tre ore ciascuno per docenti della scuola primaria (minimo 12 docenti, massimo 20 docenti per corso).
Il primo incontro prevede una riflessione a più voci con gli educatori e i docenti per ragionare sulle metodologie messe in atto e sulle difficoltà incontrate con i bambini. Nel corso dell’incontro, all’interno di ciascun modulo, verrà preso in esame anche il metodo alfabetico ( o fonetico), ricorrendo ad attività artistiche e teatrali per favorire la precisione nell’associazione grafema/fonema.

All’interno del modulo 2, invece, si prenderanno in esame gli errori ortografici più comuni e i diversi modi di affrontarli con rigore, ma anche con un pizzico di divertimento e verrà presentato un particolare campionato ortografico basato sulla cooperazione tra bambini, invece che sulla competizione.

Nel secondo, terzo e quarto incontro, invece, in entrambi i moduli, ci si concentrerà sull’’insegnamento di una grammatica  presentata in maniera “vivente”. Attraverso un pensiero immaginativo e un approccio artistico e teatrale i docenti avranno modo di vivere una grammatica diversa, sicuramente più “simpatica” e accessibile anche agli alunni con maggiori difficoltà.

I 2 MODULI nel dettaglio

MODULO 1 (a cura di Rossana Colli)
Piccoli passi nel Regno del Linguaggio: dal gesto alla parola, dal disegno alla scrittura

CONTENUTI
Le competenze linguistiche di base; gli elementi del disegno di forme (come avviamento ai pregrafismi e alla scrittura in stampatello maiuscolo);l’apprendimento efficace (attraverso attività artistiche e di movimento capaci di appellarsi alla volontà e all’imitazione proprie del bambino di questa fascia d’età); la creazione del cerchio (il proprio gruppo-classe)

OBIETTIVI
-favorire l’apprendimento della competenza linguistica di tutti i bambini facendo appello a volontà e imitazione così da non “impegnarli” cognitivamente, ma utilizzando un pensiero immaginativo capace di creare un legame di simpatia nei confronti della lingua parlata e scritta;
-fornire nuovi spunti e strumenti didattici per sviluppare e potenziare la manipolazione fine, l’orientamento spaziale e la capacità di completare una forma da parte dei bambini: aspetti fondamentali per la scrittura;
-promuovere la creazione di un cerchio (il proprio gruppo classe)

MODULO 2 (a cura di Monica Colli)
Alla scoperta della Grammatica “Fantastica”, tra Regole e…Fantasia!

CONTENUTI
L’importanza dell’errore; la funzione della narrazione e dei giochi che arrivano ad una meta (indovinelli, cruciverba ecc.); come presentare e rinforzare le principali parti del discorso attraverso un approccio teatrale

OBIETTIVI
-favorire l’apprendimento della competenza linguistica di tutti i bambini attraverso un approccio immaginativo e teatrale capace di creare un legame di simpatia nei confronti della lingua parlata e scritta;
-promuovere la partecipazione attiva da parte del proprio gruppo classe nei processi di apprendimento della grammatica e dell’ortografia, valorizzando i diversi stili di apprendimento (così da tenere alti, negli alunni, la motivazione e l’interesse) e sviluppando un atteggiamento di “cura” e attenzione nei confronti dell’errore;
-fornire nuovi spunti e strumenti per attivare percorsi didattici che siano calibrati ad hoc sui bisogni del proprio gruppo classe e che favoriscano la continuità educativa tra la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado

Per informazioni e costi: info@proxxima.it

Facebook
TWITTER
YOUTUBE

Associazione ProXXIma (Associazione di promozione sociale)
sede legale: Via Donatello 21, 20131 Milano
C.F 97617740150 – P.IVA 07932050961